La manutenzione “fai-da-te” della mountain bike

Molti di voi si vorrebbero cimentare nel “fai-da-te” nella manutenzione della propria bici. Certo, sostituire un bravo meccanico è impossibile, ma cercare di risparmiare qualche soldo e trarre un po’ di soddisfazione dal proprio lavoro potrebbe essere una attività interessante.

Vanno innanzitutto fatte molte distinzioni; il tipo di manutenzione varia ovviamente dalla tipologia del mezzo: se da corsa o mountain bike e soprattutto l’uso o l’abuso che le riserviamo.

Cerchiamo di organizzare un po’ le idee ordinando le fasi di manutenzione per la distanza percorsa con il mezzo evidenziando la manutenzione ordinaria da quella straordinaria (o sostituzione del componente)

La mountain bike è indubbiamente è la bici che tende a logorarsi di più poiché il fango ma soprattutto la polvere mettono a dura prova la componentistica

La tabella sottostante riassume le singole operazioni di manutenzione evidenziando quelle di carattere ordinario [la ‘O’ verde] da quelle di carattere straordinario o di lungo periodo [la ‘S’ rossa]

Il link sul nome del componente vi mostra l’articolo dove si parla in maniera più esaustiva del componente con i consigli e le particolarità

 

componente

quando

cosa fare

Lavaggio bici

evitare di lavare la bici ad ogni uscita poiché l’umidità è nemica assoluta di cuscinetti e boccole

Catena

dopo
ogni uscita

controllare lo stato di pulizia, in caso lubrificare solo dopo aver pulito

ogni
1500 km

sostituire la catena

Forcella anteriore

dopo
ogni uscita

pulire con un panno asciutto gli steli
100 – 120 ore revisionare la forcella con l’apposito kit

Sospensione posteriore

dopo
ogni uscita

pulire l’ammortizzatore e lubrificare gli snodi e manovellismi della sospensione con silicone

100 – 120 ore

revisionare presso centro assistenza

Freni a disco

1000 – 1500 km

durata indicativa delle pastiglie per la sostituzione

Pneumatici

prima di
ogni uscita

verifica della pressione

6 mesi

sostituire il lattice (se latticizzato)

manutenzione ordinaria

manutenzione ordinaria

manutenzione straordinaria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *